“People are Googling you”, la gente vi cerca online. Comincia così un interessante articolo proposto da CIO.com (uno dei più autorevoli siti mondiali di Business e IT per CIO). L’articolo (Managing your reputation online) è di qualche mese fa, ma è pur sempre attualissimo. Ecco cosa ci racconta:

  • La gente (colleghi, manager, clienti, fornitori, consulenti, partner, head hunters) ormai sempre più cerca informazioni su di noi tramite Internet, e principalmente tramite Google.
  • Una ricerca (del 2004, non recentissima, probabilmente il dato è superiore ora) dice che il 23% delle persone cercano su Google informazioni su di voi, prima di incontrarvi per un meeting.
  • Un ricerca del 2007 (da ExecuNet) riporta che l’83% degli head hunter usa Google per cercare informazioni sui candidati.
  • E, attenzione, la stessa ricerca indica che il 43% dei candidati vengono scartati per le informazioni che vengono trovate online.

Appare subito evidente (head hunting a parte) che curarsi della propria reputazione online non sia più un privilegio di pochi, ma stia diventando un requisito essenziale per chiunque abbia un minimo di visibilità o voglia continuare a fare business: manager, consulenti, professionisti, tecnici, chiunque lavori nell’ICT o usi l’ICT, ha lasciato delle tracce su Internet, tracce che verranno inesorabilmente trovate da Google o da altri motori.

Incuriositi dalla vostra reputazione online? Spendete 2 minuti con questo interessante “Online Identity Calculator” che in una scala da 1 a 10 vi darà una prima valutazione della vostra reputazione online. Se non avete preso 10, l’autore suggerisce alcune mosse: ad esempio rinforzare il proprio profilo su LinkedIn o altri social network, può aiutare un blog personale o scrivere commenti su altri siti, e serve decidere il proprio messaggio ed il tipo di profilo si sta ambendo, tutto aiuta per generare contenuti positivi attorno a voi: contenuti che migliorano il vostro profilo online.

CIO.com Sempre su CIO.com, qualche giorno fa è apparso un altro articolo altrettanto interessante. In “How to defend your online reputation: 5 tips” un altro autore suggerisce 5 azioni per difendere il vostro profilo online. Ad esempio sembra si possa chiedere a Google di cancellare dal motore contenuti che risultino particolarmente oltraggiosi.  Ma l’autore considera anche altri siti oltre a Google, come Facebook, MySpace, e i numerosi “people search engines” cioè quei siti che raccolgono informazioni dalla rete e costruiscono automaticamente il vostro profilo: che lo vogliate o no. Parliamo di Spock, Wink, Pipl e cosi via. L’autore offre alcuni buoni spunti e suggerisce anche di valutare servizi come MyPrivacy che si occupano di monitorare e difendere la vostra reputazione.

Morale? Dopo la legge sulla Privacy che tanto ha coinvolto sia aziende che persone, ora dovremo affrontare anche gli aspetti della privacy online, e della nostra reputazione: per rinforzare il nostro profilo e per essere più credibili nel mondo del business. E per evitare possibili diffamazioni indesiderate.

About these ads