Virtualizzazione (delle architetture IT) è una delle buzzword del momento: e BEA, come spesso accade, la fa da leader ancora una volta. Viene rilasciato oggi un utilissimo calcolatore online del TCO (Total Cost of Ownership), che mette a raffronto i costi associati a tre diversi scenari per applicazioni Java enterprise:

  1. piattaforme non virtualizzate, dove le applicazioni girano su sistemi dedicati
  2. il modello a sistemi operativi virtualizzati, dove più di una macchina virtuale gira sullo stesso sistema operativo
  3. e la architettura BEA LiquidVM, che permette alle applicazioni Java di girare su macchine virtuali, senza sistema operativo (e quindi al massimo delle performance ed efficienza)

I dati richiesti dal calcolatore sono pochi, ma le informazioni che si ottengono sono di estremo valore. Da provare.

virtualisation-tco.jpg

Annunci

In un post precedente si parlava dello scorso convegno Forum ValueIT su SOA e IT Governance. Grazie agli organizzatori sono ora disponibili tutti i video delle presentazioni. Vi invito a dare un occhiata al sito del Forum dove, previa registrazione, troverete tutti i video, ed anche la presentazione di BEA Systems “La soluzione BEA per il governo di una architettura a servizi (SOA)”. Buon ascolto.

forumit2.jpg

180x80_enterprise08.gif Anche quest’anno BEA partecipa all’ IDC Virtualisation & Enterprise Conference 2.0. I temi trattati sono di estrema attualità ed interesse, e la comunità ICT, sia lato utenti finali che vendor e operatori, sta raccogliendo rilevanti risultati con queste soluzioni.

BEA porta la sua voce da leader sui temi della SOA, delle Dynamic business application e della Virtualizzazione, con un intervento nella mattinata del 18 di Paolo Salvalaglio. Nel pomeriggio del 18, invece Massimo Tripodi presenterà un caso estremamente interessante di Fastweb, che ha implementato con successo con noi uno straordinario progetto SOA.

Vi aspettiamo lunedi!

Sviluppato come guida per il governo del Regno Unito, l’Information Technology Infrastructure Library (ITIL) è uno standard nato alla fine degli anni ’80 con lo scopo di offrire una serie di “best practice” per la gestione dei servizi IT, promuovendo un approccio di qualità al fine di ottenere maggiore efficacia nel lavoro e sempre più efficienza nell’utilizzo dei sistemi informativi.

Il crescente affermarsi sul campo di questo standard dipende dal riconoscimento e dall’adesione da parte di quelle organizzazioni che, in modo sempre maggiore, sono dipendenti dall’Information Technology, e che sono decise a soddisfare i loro scopi e le loro necessità di affari.
Questa dipendenza conduce alle necessità di servizi di qualità dell’IT sempre maggiori, qualità per la quale lo standard ITIL fornisce una serie di indicazioni da seguire.
Esso, infatti, descrive i processi, le attività, i ruoli e le responsabilità per poter gestire in modo flessibile l’organizzazione e i problemi che possono sorgere, al fine di migliorare la qualità dei servizi forniti e di rispondere alle esigenze del mercato, dei clienti e degli acquirenti. ITIL è supportato da uno schema di qualifica completo, da organizzazioni accreditate di training, e da strumenti di implementazione e di valutazione.
Questo insieme di “best practice”, in sostanza, non si presenta come una serie di rigide regole, ma più semplicemente come una traccia da adattare caso per caso a seconda delle necessità, dei bisogni, delle particolarità e delle caratteristiche dell’azienda. Lo standard può essere utilizzato:

  • nel settore pubblico – Governo centrale e locale, Autorità sanitarie e politiche
  • nel settore privato – Banche, Assicurazioni, Telecomunicazioni, Servizi Pubblici, Trasporti
  • dalle società IT – Fornitori di prodotti, Società di System Integration, Società di Outsourcing

La documentazione ITIL è suddivisa in più libri, che trattano ognuno un aspetto diverso della gestione dei servizi IT; sono tutti leggibili in modo indipendente, ma ovviamente presentano sempre concetti strettamente correlati tra di loro. I libri di cui la documentazione è composta sono i seguenti:

SERVICE SUPPORT :
assicura che il Customer abbia accesso ad appropriati servizi per il supporto di funzioni di business. I processi descritti sono: il Service Desk, l’Incident Management, il Problem Management, il Configuration Management, il Change Management e il Release Management.
SERVICE DELIVERY :
questa sezione riguarda il rilascio del servizio richiesto per permettere un supporto adeguato ai clienti. Vengono trattati i processi del Capacity Management, del Financial Management per i Servizi dell’IT, dell’Availability Management, del Service Level Management e dell’IT Service Continuity  Management.
PIANIFICAZIONE PER IMPLEMENTARE IL SERVICE MANAGEMENT :
questa parte introduce all’utilizzo dell’ITIL in quanto fornisce una guida sull’allineamento dei bisogni di business all’IT e sulla valutazione dei livelli correnti di maturità del Service Management. Aiuta l’organizzazione ad identificare i punti di forza e di debolezza, permettendo di sviluppare i primi e di superare gli ultimi.
ICT INFRASTRUCTURE MANAGEMENT :
si occupa dei processi, dell’organizzazione e degli strumenti necessari per fornire un’infrastruttura stabile di IT e comunicazioni ed è la base per i processi di ITIL Service Management. Questa parte si occupa di Design & Planning, Operations e Technical Support.
APPLICATION MANAGEMENT :
fornisce un aiuto agli utenti, agli sviluppatori e ai manager del servizio per identificare quali applicazioni possono esser gestite da una prospettiva di service management.
SECURITY MANAGEMENT :
questa sezione si occupa della sicurezza dal punto di vista del fornitore del servizio, identificando come il Security Management si relaziona con l’IT Security Officer e come fornisce il livello di sicurezza necessario.
THE BUSINESS PERSPECTIVE :
si occupa di far comprendere ai manager il carico di business. Le questioni trattate includono il Business Relationship Management, il Partnership and Outsourcing, dei continui miglioramenti e sfruttamenti dell’informazione, Communication and Technology (ICT) per trarre vantaggio dal business.

La figura seguente mostra i processi che fanno parte dell’area “Service Support”
ITIL Support Processes

Ogni processo ITIL è a se stante nella sua definizione, ma per svolgere pienamente il suo scopo deve essere preso in considerazione con tutti gli altri.BEA Systems ha adeguato la propria struttura di supporto per essere in linea con le Best Practices ITIL, con particolare riferimento al Service Support, e inoltre richiede che i Support Account Manager che hanno la responsabilità dei Clienti di tipo Mission Critical siano certificati ai maggiori livelli ITIL. Come a dire: “al vostro servizio” con le nostre “migliori risorse”.
Per informarsi o saperne di più www.itsmf.it

Chiara Scarafiotti, ITIL Practitioner Support & Restore

Rispetto per l’ambiente, attenzione verso il contesto sociale in cui si opera, volontariato e condizioni di lavoro dei dipendenti, qualità del prodotto e trasparenza della filiera produttiva: sono questi, con altri, i temi imposti dalla “cultura della responsabilità sociale d’impresa” (Corporate social responsability).
Il nuovo modo  di pensare e di agire d’impresa sta prendendo piede in Italia, mentre all’estero e soprattutto negli Stati Uniti è un valore aziendale oramai acquisito, imposto con la globalizzazione. Imprese e società presenti in diversi paesi hanno accettato di far proprio un modello aziendale, in grado di far coesistere spirito imprenditoriale, etica e sostenibilità ambientale.
L’obiettivo della nuova cultura sociale di impresa è l’assunzione di responsabilità nell’ambito delle comunità locali da parte dell’impresa, che così affianca agli obiettivi tradizionali (la crescita della società, il profitto e il business) anche altri target sociali.
Gli esempi non mancano, ad incominciare dall’impegno dichiarato da società o artisti a promuovere iniziative ad “impatto zero”, ovvero a piantare tanti alberi quanti necessari per compensare la co2 emesse o il consumo di energia impiegata per l’evento. Oppure, alcune aziende hanno adottato il modello “1/1/1”, che prevede la donazione da parte della società dell’1% del tempo, l’1% delle azioni e l’1% dei propri utili ad organizzazioni non profit, in modo da contribuire con risorse finanziarie e tecnologiche, programmi di istruzione ai giovani delle comunità più svantaggiate o a favore ancora la tutela dell’ambiente.
Di recente, Google ha offerto a 2500 organizzazioni non profit di 16 diversi paesi spazi pubblicitari online gratuiti: questo grazie al programma “Google Grants“. Anche in questo caso l’idea è di offrire a organizzazioni senza scopo di lucro, soluzioni di business avanzate – fino ad oggi accessibili solo al settore privati e a pagamento – per implementare e ottimizzare l’attività degli enti non profit.
Tra le buone pratiche da rispettare nell’esercizio delle operazioni commerciali, al primo posto c’è la tutela dell’ambiente, ma si sta cercando di dare impulso alla rintracciabilità del prodotto per rendere trasparente la catena produttiva e soprattutto alla fidelizzazione dei dipendenti.
51aruio1wwl_bo2204203200_pisitb-dp-500-arrowtopright45-64_ou01_aa240_sh20_.jpg Una lettura consigliata a riguardo è “The business of changing the world”, libro scritto da Marc Benioff, Ceo di Salesforce.com, e Carlye Adler, giornalista collaboratore di Fortune, FSB, Time-Asian Edition e Business week. Il volume spiega come negli Usa il volontariato sia ormai diventato parte integrante di alcune aziende.

Una caratteristica utile di Weblogic Server, dalla versione 9 in poi, è il cosiddetto production redeployment: una strategia di deployment delle applicazioni web che consente la coesistenza di due versioni dell’applicazione, garantendo il rilascio di una nuova release senza interrompere il servizio offerto agli utenti. E’ utile per la correzione di bug o per l’aggiunta di nuove funzionalità, senza dover chiudere l’applicazione nè aggiungere server ridondanti per redirigere il traffico durante la sostituzione.

Quando la nuova versione viene attivata, la vecchia viene mantenuta in funzione dal server finchè le sessioni utente già attive vengono completate oppure vanno in time out: nel frattempo la nuova versione comincia a servire tutte le nuove richieste. La figura seguente mostra come le richieste http vengono gestite da WLS:

Side by side deployment

Gli utenti che stavano navigando non subiscono alcun effetto dell’attivazione della nuova versione, quindi non è necessario pianificare finestre temporali di rilascio, magari di notte o nel week end come a volte si è costretti a fare. Versioni successive delle applicazioni possono essere storicizzate sui server, per cui è sempre possibile tornare indietro ad una versione precedente con la stessa modalità trasparente agli utenti. Inoltre, se una nuova versione viene attivata in Administration Mode, questa diviene visibile solo sul canale di amministrazione di WLS: ciò consente di eseguire test di corretto funzionamento prima dell’apertura al normale traffico utente.

test della nuova versione in administration mode

Le operazioni di deployment e di attivazione delle versioni possono, come tutte le operazioni di amministrazione, essere eseguite attraverso la console web di WLS, attraverso script ANT o WLST, programmi java o strumenti esterni di configuration management. Alcuni tipi di applicazione non possono essere gestiti con questa modalità di rilascio, che è limitata a web applications e enterprise applications: vedere la documentazione online di WLS per i dettagli.

Un bel post apparso sul blog Manageability, descrive i 5 prossimi trend per sviluppatori Java, Lo trovate qui.

In anteprima un nuovo whitepaper scritto a 4 mani con gli amici di VMWare: vengono analizzati i trend di adozione di SOA e Virtualizzazione, e vengono analizzate situazioni in cui una tecnologia sfrutta l’altra o ne abilita migliori risultati. Un bel documento di valore per CIO, IT manager ed architetti enterprise. Scarica il whitepaper

soavirtual.jpg

microhoo.jpg Cosa può spingere Microsoft ad offrire la cifra record di 44,6 miliardi di dollari per acquistare il controllo di Yahoo ? Lo storico motore di ricerca è da qualche tempo in crisi eppure risulta ancora una delle priorità di Microsoft. Certo, la prima risposta è Google e il suo strapotere, ma se analizziamo a fondo la vicenda scopriamo che la vera risposta all’Opa di Microsoft è la pubblicità online.

Mentre Microsoft ha cercato di sviluppare – senza successo – un motore di ricerca alternativo e servizi online competitivi, Google è passato nel 2007 dal 60 al 75 per cento del mercato americano della pubblicità nei motori di ricerca, contro il 9% di Yahoo! (la stima è di eMarketer). Quindi, tanto vale per Microsoft mettere sul banco 44,6 miliardi di dollari per non esserne tagliato fuori dalla pubblicità che è la moneta delle attività gratuite in rete. Google ha capito questo da tempo ed ha vinto una “sfida impossibile”: crescere in Internet, oltre il motore di ricerca, con una quantità di servizi gratuiti.

Microsoft è ancora leader nell’off-line – sono suoi 9 computer su 10 al mondo – ma non è mai entrata in partita nell’online, a differenza – ad esempio – della rivale Apple. Basterà un investimento di 44,6 milardi di dollari (pari agli utili dei prossimi 3 anni) per ribaltare un trend strutturale? E’ questa la sfida più impegnativa per il Ceo di Microsoft, Steve Ballmer, dopo l’uscita del fondatore Bill Gates. In palio c’è la leadership del settore per i prossimi anni.

Sono appena tornato da un viaggio di lavoro in un paese arabo, dove ho tenuto un SOA Discovery Workshop. E’ stata un’esperienza che mi ha fatto riflettere sui vantaggi – che non sempre ho tenuto presenti – derivanti dal fatto di lavorare per una multinazionale dell’informatica.

Non mi riferisco ai vantaggi ovvii, come essere costantemente proiettati sulla frontiera della tecnologia e delle nuove tendenze nel campo dell’IT oppure essere a contatto con le diverse realtà costituite da clienti che sono sempre grandi aziende, contenenti a loro volta una varietà di culture, di tecnologie e di personaggi. Negli otto anni che ho passato finora in BEA mi sono trovato davanti a molte sfide professionali e umane. Molte volte sono andato oltre quello che ritenevo il limite delle mie conoscenze e delle mie capacità, spesso ottenendo risultati che mi hanno fatto crescere in esperienza e consapevolezza. Dopo i primi anni in cui ero molto focalizzato sulla tecnologia, ultimamente sono stato affascinato dai rapporti tra le persone: ho studiato con attenzione la capacità di comunicare, i rapporti di forza, l’abilità diplomatica, il rispetto per le posizioni differenti dalla propria, l’efficacia nel convincere gli altri. Ho incontrato tante persone da prendere come esempio e altri che erano la dimostrazione vivente degli errori nella comunicazione. Io stesso a volte ho sbagliato approccio di fronte a opinioni discordanti.

Certe volte le persone, pur di affermare il proprio punto di vista su quello degli altri, sprecano ottime occasioni per mettersi d’accordo su un punto che garantisce la soddisfazione propria e quella dell’interlocutore: quello che viene definito un “win-win“. Spesso chi non fa parte della propria squadra, della propria fazione o non condivide la nostra fede viene considerato “l’altro”, con cui il conflitto è inevitabile.

Lunedì scorso ho avuto una sensazione diversa anzi, citando John Belushi, “ho visto la luce”. Ero in volo su un panorama stupendo, e il cielo era colorato da un tramonto difficile da descrivere (sono un ingegnere con tendenze sociologiche, non ancora un poeta…). Sotto di me le montagne di un paese straniero dove, in mezzo alla neve che per molti chilometri copriva tutto, potevo vedere le luci di una piccola città e un serpente di luci che la raggiungeva: peccato non avere la macchina fotografica… Mentre stavo pensando “deve essere una località di sport invernali, come ce ne sono da noi: allora le hanno anche loro…” mi sono detto: “ma chi sono i loro e i noi?”. Di fronte alla bellezza della natura e alla considerazione che il genere umano è un ospite sulla Terra (forse influenzato anche dal fatto che stavo ascoltando Starway to heaven dei Led Zeppelin e avevo appena finito di leggere Prelude to foundation di Asimov) mi sono reso conto che noi e loro eravamo la stessa cosa. Popoli differenti, nonostante le lingue e le religioni, sono sempre ospiti dello stesso mondo e apprezzano la stessa bellezza (e contribuiscono ugualmente alla sua rovina). A parte piccoli o grandi egoismi, tutti hanno bisogno degli altri e si sentirebbero soli se non potessero confrontarsi con loro. Credo che abbiamo tutti da imparare dal confronto con qualcuno che può dare, su quello che pensiamo o che facciamo, una visione complementare alla nostra. Se ci troviamo d’accordo ne usciamo rafforzati e più sicuri, se no potremmo anche scoprire di aver trascurato qualche aspetto importante e trarne comunque un vantaggio; a volte invece, dovendo arrivare a un compromesso perchè nessuno dei due riesce a convincere pienamente l’altro, si può avere la soddisfazione di aver evitato un conflitto che avrebbe fatto maggiori danni.

Ovviamente questo discorso vale su piani differenti: partendo da considerazioni sull’umanità intera si può arrivare alla propria famiglia oppure ai rapporti di lavoro: tra colleghi, tra cliente e fornitore, tra concorrenti. A volte la volontà di collaborare per l’interesse comune e quella di accettare un diverso punto di vista consentono risultati che sarebbero irraggiungibili se fossimo concentrati solo nel dimostrare di essere più intelligenti o più bravi.Per un architetto, che deve garantire per definizione l’armonia dell’insieme, è una bella lezione (non che io abbia sempre cercato di imporre la mia visione, anzi è da un po’ di tempo che stavo lavorando sulle capacità di mediazione: però sicuramente quelli che mi conoscono sanno che non sono uno tenero…).Giusto per concludere: perchè ho voluto raccontarvi queste considerazioni? Perchè sicuramente, prima o poi, io e qualcuno di voi ci incontreremo per motivi di lavoro… magari ci troveremo in disaccordo, ma spero che aver condiviso queste considerazioni ci aiuterà a trovare una soluzione che vada bene a entrambi 🙂

Attenzione!

Questo sito non è piu' aggiornato. Vieni a trovarci sul nuovo Caffe' con BEA

Disclaimer

I post su questo blog rappresentano i pensieri personali dei singoli autori e non rappresentano le posizioni ufficiali di BEA Systems. Se scrivete commenti, essi saranno rivolti solo ai singoli autori e non a BEA Systems. Le immagini ed i filmati possono essere tratti da Internet: qualore violassero eventuali diritti di autore, segnalatelo subito a pfurini@bea.com.